Attualità ANOLF

 

Presidenza del Consiglio dei Ministri

 

10/8/2000

Costituzione del Comitato per il coordinamento interministeriale per le politiche di immigrazione.

Con decreto del Presidente del Consiglio Giuliano Amato, emenato il 2 agosto scorso, è stato costituito il Comitato per il coordinamento interministeriale per le politiche di immigrazione.

Il comitato è presieduto dallo stesso Presidente del Consiglio e ne fanno parte i responsabili dei dicasteri coinvolti nella attuazione delle politiche di contrasto della immigrazione clandestina, ma anche nelle politiche di accoglienza e della integrazione sociale nei confronti degli stranieri extracomunitari presenti sul territorio nazionale (Interno, Esteri, Tesoro, Lavoro, Sanità, Industria, Giustizia, Pubblica Istruzione, Università e Ricerca Scientifica, Affari Regionali, Solidarietà Sociale).

Il Comitato ha il supporto di uno staff di esperti, per il cui coordinamento il Presidente del Consiglio ha designato l'on. Giannicola Sinisi.

Con lo stesso decreto, si è voluta prevedere la partecipazione delle Regioni, delle Provincie e dei Comuni al procedimento per la definizione delle quote annuali di ingresso di cittadini extracomunitari in Italia, mediante l'acquisizione di un parere preventivo della Conferenza unificata sulla emanazione dei decreti flussi annuali.

La consultazione preventiva è stata estesa anche ali altri soggetti previsti dalla legge nella procedura istruttoria relativa al documento di programmazione triennale e, quindi, alle parti sociali e alle associazioni.

Si raggiunge così, attraverso il decreto del Presidente del Consiglio, il pieno coinvolgimento delle Regioni e degli Enti Locali, ma anche delle parti sociali e degli operatori di settore, non solo nel disegno delle strategie di medio periodo, che vengono tracciate nel documento di programmazione triennale, ma anche nella attuazione in concreto degli obiettivi previsti da quest'ultimo documento, potendo contribuire alla determinazione delle quote che di volta in volta potranno essere stabilite nei decreti flussi per ciascuna delle categorie di lavoratori stranieri da ammettere nel nostro Paese in base alle esigenze del mercato del lavoro e della nostra capacità di accoglienza.


[ inizio pagina ][ home ]
[ L'ANOLF per gli studenti ]
[ Cos'é l'ANOLF ][ Servizi utili ]
[ Indirizzi ANOLF ][ Oltre le Frontiere ]