Attualità ANOLF

Ministero della Difesa

 

Circolare n.101

Roma, 24 gennaio 2002

  Al Comando regioni militari
 

Ai comandi RFC interregionali

 

Ai comandi L.R.M.

 

Ai consigli di leva

  Al consiglio di leva Maricentro - La Spezia
  Al consiglio di leva Maricentro - Taranto
  Ai distretti militari
  Agli uffici di leva
  Agli uffici di leva presso le capitanerie di porto
 

Alle rappresentanze diplomatiche e consolari italiane all'estero

e, p. c. Alla Presidenza della Repubblica - Segr. affari militari
  Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri
  Al Gabinetto del Ministro della difesa
 

Alla segreteria particolare s.s.s. alla difesa

  Al Ministero degli affari esteri -D.G.E.P.M. - Uff. III
  Al Ministero dell'interno - D.G. amministrazione generale e affari personale - Div. cittadinanza
  Allo stato maggiore della difesa
  Allo stato maggiore dell'esercito
  Allo stato maggiore della marina
  Allo stato maggiore dell'aeronautica
 

All'ufficio del segretario generale

  Alla corte militare d'appello
  Alla procura generale militare della Repubblica, presso la corte militare d'appello
  Alla procura generale militare della Repubblica presso la Corte suprema di cassazione
  Alla Direzione generale del personale militare
 

Ai Dipartimenti militari marittimi

 

Al Comando militare marittimo autonomo della Sicilia

 

Al Comando militare marittimo autonomo della Sardegna

  Ai comandi regioni aeree

OGGETTO: LEV.C.56/UDG del 12 giugno 1997 relativa agli obblighi coscrizionali in relazione alla cittadinanza (art. 1, decreto del Presidente della Repubblica n. 237/1964 e legge n. 91/1992). Gazzetta Ufficiale n. 38 del 15 febbraio 1992 - 3a aggiunta e variante.

Con decreto del Presidente della Repubblica n. 445 datato 28 dicembre 2000 è stato emanato il testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.

Pertanto, questa Direzione generale, nella necessità di adeguarela circolare in oggetto alle sopracitate disposizioni e al contempo di aggiornarla integrando, a seguito delle precisazioni fornite dal Ministero dell'interno circa la legalizzazione degli atti pubblici stranieri, l'elenco delle convenzioni internazionali stipulate in materia con l'indicazione dei nuovi Stati che hanno provveduto alla ratifica, ha ritenuto dover modificarla sostituendo il punto 2 del

Titolo X, con il seguente:

2. In luogo delle certificazioni citate attestanti l'esistenza di una condizione ritenuta necessaria per ottenere uno dei provvedimenti previsti dalla medesima circolare, deve essere richiesta la presentazione di dichiarazioni sostitutive di certificazione o di dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà, a seconda che si debba comprovare stati, qualità personali e fatti previsti dall'art. 46 o dall'art. 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445.
Le informazioni concernenti i dati previsti dall'art. 46 possono essere acquisite d'ufficio, anche tramite fax o via telematica, previa indicazione, da parte dell'interessato, dell'amministrazione competente e degli elementi indispensabili per il reperimento dei dati richiesti. Gli estratti degli atti di stato civile devono essere sempre acquisiti d'ufficio.

Le istanze e le relative dichiarazioni o gli eventuali certificati devono essere accettati anche se pervenuti per fax o altro mezzo telematico o informatico idoneo ad accertarne la fonte di provenienza. La loro trasmissione non deve essere seguita da quella dei documenti originali.

Le istanze e le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà hanno validità se sottoscritte in presenza del dipendente addetto ose sottoscritte e presentate unitamente a copia fotostatica di un documento di identità del sottoscrittore.
I dati relativi a cognome, luogo e data di nascita, cittadinanza, stato civile e residenza attestati in documenti di identità o di riconoscimento in corso di validità (o non in corso di validità, purchè l'interessato dichiari, in calce alla fotocopia del documento, che i dati contenuti nel documento stesso non hanno subito variazioni dalla data del rilascio), possono essere comprovati mediante esibizione dei documenti medesimi. La registrazione dei dati
sopraindicati deve avvenire attraverso l'acquisizione della copia fotostatica non autenticata del documento stesso.

Qualora gli interessati siano stranieri: se cittadini di Stati facenti parte dell'Unione europea (Belgio, Danimarca, Germania, Grecia, Spagna, Francia, Irlanda, Lussemburgo, Paesi Bassi, Austria, Portogallo, Finlandia, Svezia, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord), sono da considerare destinatari delle stesse modalità previste per i cittadini italiani; se cittadini di Stati non appartenenti all'Unione, solo se regolarmente soggiornanti in Italia,
possono utilizzare le dichiarazioni sostitutive di cui agli articoli 46 e 47 limitatamente agli stati, alle qualità personali e ai fatti certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici italiani, oppure in applicazione di convenzione internazionale fra l'Italia e il Paese di provenienza del dichiarante (terzo comma, art. 3 del decreto del Presidente della Repubblica sopracitato).

Al di fuori dei casi previsti nei sopracitati commi 2 e 3 dell'art. 3 gli stati, le qualità personali e i fatti devono essere
documentati mediante certificati o attestazioni rilasciati dalla competente autorità dello Stato estero, corredati di traduzione in lingua italiana autenticata dall'autorita' consolare italiana, se l'interessato risiede all'estero, che deve attestare la conformità all'originale previo ammonimento sulle conseguenze penali della produzione di atti o documenti non veritieri.

Gli estratti degli atti di stato civile riguardanti cittadini comunitari ed extracomunitari, come anche i carichi pendenti nel Paese di origine di cittadini extracomunitari, non possono essere sostituiti con le dichiarazioni sopraindicate e non possono essere acquisiti d'ufficio, ma devono essere esibiti direttamente dagli
interessati.

L'Autorità Diplomatica o Consolare italiana provvede ad autenticare le firme apposte sulla documentazione da cittadini
stranieri e a legalizzare quella apposta da Autorità straniere (art. 33, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica sopra citato).

Se l'autenticazione risultasse disagevole o addirittura impossibile per cause connesse al sottoscrittore del documento da autenticare, la rappresentanza stessa, previo apposito accertamento, attesterà l'autenticità dell'atto.

I documenti corredati da dichiarazioni ufficiali quali attestazioni di registrazioni o autenticazione di firma, apposte da funzionari pubblici dello Stato estero, sono esenti dalla procedura di legalizzazione o comunque di autenticazione di cui sopra, se redatti in paesi che in base a convenzioni bilaterali o multilaterali sono esenti da legalizzazione (Germania, Austria, Belgio, Francia,Danimarca, Irlanda). In taluni Paesi, tra i quali si segnalano: Argentina, Australia,
Bulgaria, Cina (solo per le Regioni ad amministrazione speciale di Hong Kong e Macau), Cipro, Columbia, Croazia, Estonia, Finlandia, Giappone, Gran Bretagna, Grecia, Israele, Jugoslavia, Lettonia, Lussemburgo, Malta, Messico, Norvegia, Olanda, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria,
Venezuela, la legalizzazione è sostituita dalla "Apostille" consistente in una apposita timbratura quadrata attestante
l'autenticità del documento e la qualità legale dell'autorità rilasciante (V. Convenzione dell'Aja del 5 ottobre 1961).

La documentazione redatta da Autorità Diplomatica e Consolare italiana è esente da legalizzazione.

La documentazione redatta da Autorità Diplomatica o Consolare straniera in Italia deve essere legalizzata dalla competente Prefettura (quarto comma, art. 33 sopracitato). Sono esenti da detta legalizzazione: Austria, Cipro, Francia, Germania, Gran Bretagna,Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo,
Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia (v. Convenzione europea del 7 giugno 1968).

I certificati redatti in lingua straniera devono essere muniti di traduzione ufficiale in lingua italiana effettuata da:

a) Autorità Consolare dello Stato estero rilasciante il documento, accreditata presso il Governo italiano;

b) Autorità Consolare italiana;

c) Perito traduttore, che non può mai essere l'interessato, e asseverato presso la Cancelleria della prefettura competente per il territorio.

Qualora gli interessati incontrino difficoltà per ottenere i certificati di cittadinanza da parte delle competenti autorità
governative straniere, possono produrre in loro sostituzione attestati rilasciati dalle nostre Autorità Diplomatiche o Consolari.

In sostituzione degli originali dei documenti sono ritenute valide anche copie, purchè autenticate dalle Autorità Diplomatiche o Consolari italiane o dai soggetti previsti dall'art. 18 del decreto del Presidente della Repubblica sopracitato.

Le disposizioni concernenti la legalizzazione, la traduzione, e l'autenticazione, della documentazione, sono da ritenersi operanti soltanto laddove:

debba essere richiesta, per disposizione di legge, l'esibizione del certificato da parte dell'interessato;

debba essere controllata la veridicità della dichiarazionesostitutiva e non sia possibile acquisire d'ufficio il relativo
certificato;

l'interessato presenti certificati invece delle relative dichiarazioni sostitutive e, reso edotto sulla possibilità di
sostituirli con la apposita dichiarazione, non voglia avvalersene.

I controlli sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutiveprevisti dall'art. 71 del decreto del Presidente della Repubblica
sopracitato dovranno essere effettuati a campione soltanto qualora una verifica "a tappeto" incida in modo negativo sul normale svolgimento dell'attività lavorativa dell'organo preposto.

A seguito della presente, la circolare LEV C 72/UDG del 27 settembre 1999 deve intendersi abrogata.

Roma, 24 gennaio 2002

Il direttore generale

leva-reclutamento obbligatorio,militarizzazione - mobilitazione civile e corpi ausiliari

Criscuolo


[ inizio pagina ][ home ]
[ L'ANOLF per gli studenti ]
[ Cos'é l'ANOLF ][ Servizi utili ]
[ Indirizzi ANOLF ][ Oltre le Frontiere ]