Attualità ANOLF

Ministero dell'Interno

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA

 

N. 300.C/2000/638/P/16/1/24/1^Div.

Roma, 13 settembre 2000

  Ai Sigg. Questori della Repubblica Loro Sedi
  Ai Sigg. Dirigenti le zone di Polizia di Frontiera Loro Sedi
  Ai Sigg. Dirigenti gli Uffici di Polizia di Frontiera Loro Sedi
e, p.c.: Ai Sigg. Prefetti della Repubblica Loro Sedi
  Al Sig Commissario del Governo per la provincia di Bolzano
  Al Sig Commissario del Governo per la provincia di Trento
  Al Sig. Presidente della Giunta Regionale della Valle d'Aosta Aosta

OGGETTO: Nuove disposizioni in materia di ingresso e soggiorno dei cittadini somali in Italia.

╚ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 207 del 5 settembre scorso i Decreto del Ministro degli Affari Esteri del l░ settembre 2000, emanato di concerto con gli altri Ministri interessati, con il quale - attesi gli sviluppi in corso verso la ricostituzione di autoritÓ di governo in Somalia - sono state impartite nuove disposizioni in materia di ingresso e soggiorno dei cittadini somali in Italia, anche in considerazione delle condizioni particolari determinate dalla situazione di transizione tuttora in atto in quel Paese.

Tali disposizioni vanno ad integrare quelle del decreto interministeriale 1^ febbraio 1999, illustrato nelle circolari nr.300/C/187850/16/l datate 24.2.1999, 17.3.1999 e 14.4.1999.

In particolare. l'art. 1 consente ai cittadini somali in possesso di permesso di soggiorno per motivi umanitari. rilasciato ai sensi dell'art. 2, comma 2, della Direttiva del Presidente del Consiglio del 6 agosto 1998, di chiederne l'estensione della validitÓ che potrÓ essere disposta per un anno, dalla data di rilascio, previo ritiro degli eventuali provvedimenti di allontanamento cui non Ŕ stato possibile dare esecuzione, provvedendo al contestuale aggiornamento al CED.

Analogo provvedimento potrÓ essere assunto nei casi di permessi giÓ scaduti e non rinnovati per l'assenza della norma in argomento.

I predetti soggiorni sono ulteriormente rinnovabili.

L'art. 2 prende in considerazione la problematica dei ricongiungimenti familiari, di fatto sinora molto limitati, pur in presenza di nulla osta validamente rilasciato dalle Questure sulla base delle verifiche di competenza, attese le difficoltÓ di dimostrare l'esistenza del legame familiare, il cui accertamento spetta, come Ŕ noto, alle Rappresentanze diplomatiche.

Al fine di pervenire all'identificazione del familiare interessato al ricongiungimento, la norma in esame indica la documentazione che pu˛ essere validamente prodotta alle nostre Rappresentanze (documenti emessi dal Governo somalo fino al 31 gennaio 1991;

documenti rilasciati dagli organismi internazionali ritenuti idonei dal Ministero degli Affari Esteri, certificazioni provenienti da soggetti che nel quadro del processo di ricostruzione dell'AutoritÓ statale in Somalia, esercitano, a giudizio del Ministero degli Affari Esteri, una effettiva capacitÓ di organizzazione amministrativa e civile).

L'art. 3, infine, estende la validitÓ dei titoli di viaggio, rilasciati ai sensi dell'art. 2, comma 2, del Decreto interministeriale l░ febbraio 1999, a tutta l'area Schengen rendendo possibile la circolazione in tutti i Paesi aderenti al citato Accordo. A tale riguardo si richiamano le direttive giÓ impartite con la sopraindicata circolare del 14 aprile 1999.

Il Capo Polizia

De Gennaro


[ inizio pagina ][ home ]
[ L'ANOLF per gli studenti ]
[ Cos'é l'ANOLF ][ Servizi utili ]
[ Indirizzi ANOLF ][ Oltre le Frontiere ]