Attualità ANOLF

Ministero dell'Interno

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA

 


n. 300.C/2002/2472/P/12.222.8/1^DIV.

Roma, 31 ottobre 2002

  Ai Sigg. Questori della Repubblica Loro Sedi
E, p.c.: Ai Sigg. Prefetti della Repubblica Loro Sedi
  Al Commissario del Governo per la provincia autonoma di Trento Trento
  Al Commissario del Governo per la provincia autonoma di Bolzano Bolzano
  Al Presidente della Giunta regionale della Valle d'Aosta Aosta

OGGETTO: emersione lavoro irregolare.

Sono pervenuti a questo Dipartimento numerosi quesiti in ordine al ricorso presentato da alcuni cittadini extracomunitari, impiegati in attività lavorative in modo irregolare, i cui datori di lavoro non intendono procedere alla loro regolarizzazione e che, in qualche caso, hanno anche interrotto il rapporto di lavoro, nei cui confronti gli interessati hanno adito formalmente le vie legali al fine di mantenere il rapporto di lavoro o di riassumere quello interrotto o aprano una vertenza tramite associazioni sindacali o di patronato.

La loro posizione si ritiene essere assimilata, in via temporanea, a quella dei perdenti posti di lavoro e rientrare, quindi, nell'ipotesi di cui all'art. 22, comma 11, del Testo Unico, relativamente al rilascio del permesso di soggiorno per una durata di sei mesi.

Resta immutato, ovviamente, l'obbligo della esistenza di tutti gli altri requisiti previsti dalla normativa vigente per le procedure di emersione - legalizzazione del lavoro irregolare, nonché il rispetto dei termini previsti per la richiesta di permesso di soggiorno opportunamente documentato.

Al fine di monitorare il fenomeno, le SS.LL. sono pregate di comunicare il giorno 20 p.v. al fax nr. 0646539633 il numero dei soggetti che hanno richiesto il rilascio del permesso di soggiorno in argomentato.

Il Capo della Polizia

Direttore della Pubblica Sicurezza

(De Gennaro)


[ inizio pagina ][ home ]
[ L'ANOLF per gli studenti ]
[ Cos'é l'ANOLF ][ Servizi utili ]
[ Indirizzi ANOLF ][ Oltre le Frontiere ]