Ultime Notizie

Labor TV - Italiani

Long life welfare - Il volontariato a supporto della tutela e dell’autotutela

Long Life WelfarePer una previdenza aperta agli immigrati e agli anziani:
Progetto "Long Life Welfare" avviato nel Meridione di Anolf Nazionale e Anolf Territoriali (Basilicata, Calabria, Napoli per la Campania, Foggia per la Puglia, Sardegna e Sicilia) con il supporto di Anteas e Idos e il contributo della Fondazione con il Sud.
Tra le azioni previste, verranno individuate 500 persone chiamate a essere beneficiare dirette delle attività di formazione che consentiranno loro di essere ripetitori e facilitatori delle conoscenze previdenziali, incrementando così la loro vicinanza con tutti gli utenti.

 

Il progetto è una sfida relativa a un target ancora poco tutelato e preso in considerazione: gli immigrati in invecchiamento che sono tra i più svantaggiati in un paese, il nostro, in cui il sistema di welfare è diventato particolarmente complesso. Una “classe” di persone con fragilità destinate a crescere numericamente e su cui ancora non si conosce molto. Una popolazione che spesso ha problemi ad interagire con le istituzioni a cause di barriere linguistiche, culturali e d’istruzione e che ha difficoltà ad essere tutelata. Si pensi alle donne immigrate, colf o badanti, spesso operanti in nero, che avrà difficoltà ad avere una pensione.

L’azione, finanziata integralmente da Fondazione con il Sud, intende contribuire alla risoluzione del problema: “Una positiva azione per il rafforzamento della rete nazionale di volontariato presente in maniera capillare nelle regioni selezionate, per una forte sinergia, di piena collaborazione con ANTEAS, IDOS e Fondazione con il Sud ” lo dichiara Mohamed Saady Presidente Nazionale ANOLF.

Per la sua originalità il progetto si configura come pilota ed intende rafforzare la rete nazionale di volontariato presente in maniera capillare nelle regioni selezionate. L’intenzione è quella di stabilire e consolidare collegamenti orizzontali e creare modalità di co-working in grado di proseguire anche dopo il termine del progetto, che avrà la durata di due anni.

IN ALLEGATO COMUNICATO STAMPA

 

 

 

 

Attachments:
Download this file (comunicato stampa LLW.pdf)comunicato stampa LLW.pdf[ ]279 Kb

Giornata Internazionale del Migrante. Saady (ANOLF) "Non abbandoneremo al loro destino i migranti che fuggono da guerre, persecuzioni e in cerca di un futuro migliore"

Migrant-message-2014-624x311Oggi assistiamo all'esodo di migliaia di persone in fuga da guerre e persecuzioni, ma anche dalla povertà e dalla fame, che bussano alle porte dell'Europa nella speranza di essere accolti nella garanzia di quei diritti, che proprio nella giornata internazionale del migrante ci accingiamo a celebrare, ha commentato il Presidente dell'Anolf Nazionale Mohamed Saady in occasione della ricorrenza di oggi.

Leggi tutto...

CISL e ANOLF - Verso la 'Giornata internazionale contro la violenza sulle donne’

231Il prossimo 25 novembre è la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Numerose le iniziative in tutta Italia. Il Prossimo 23 novembre, presso l’Ospedale Sant’Andrea Vercelli, di svolgerà un convegno intitolato “No Alla Violenza! In famiglia , sul Lavoro, sulle vittime della tratta” organizzato dalla Cisl Piemonte Orientale e l’Anolf Piemonte Orientale, in linea con lo slogan “Diamo un taglio al silenzio” realizzato dalla CISL e il Coordinamento Donne CISL per ribadire che i maltrattamenti, la violenza in famiglia,lo sfruttamento e le molestie sul lavoro e sulle vittime della tratta, non vanno sottaciuti come “affari privati” e che l’unica strada verso la libertà da ogni sopruso e violenza resta l’atto primario della denuncia.

 

L’ANOLF Nazionale, il Coordinamento Donne immigrate ANOLF in piena sinergia con la CISL da anni sostiene le numerose battaglie che riguardano anche le donne vittime di tratta.

La tratta di esseri umani è una grave violazione dei diritti umani che si traduce nella mercificazione dell’individuo e nella sopraffazione della sua dignità. Rappresenta il 2° business mondiale dopo il traffico d’armi.

L‘Italia è uno dei paesi europei maggiormente interessati dal fenomeno della tratta, si stima siano tra le 75.000 e le 120.000 le vittime di tratta ai fini di prostituzione, più di 3.000.000 i clienti, per un giro d’affari di circa 90 milioni di euro. Il 65% opera in strada; il 37% delle vittime è tra i tredici e 17 anni. Il 36% viene dalla Nigeria, il 22% dalla Romania, il 10% dall’Albania, il 7% dalla Moldavia e il 16% dall’Ucraina, dalla Cina e dai Paesi dell’Est.

Evidenziamo il grande sostegno della Segretaria Generale della Cisl Annamaria Furlan nella sottoscrizione e petizione «Fermiamo la domanda». La petizione è una delle iniziative della campagna antitratta «Questo è il mio corpo» lanciata dall’Associazione comunità «Papa Giovanni XXIII» fondata da don Oreste Benzi (www.questoeilmiocorpo.org/petizione), e la positiva decisione di sostenere il Progetto “Casa Speranza” che l’Anolf di Vercelli, porta avanti da alcuni anni, una casa rifugio per la protezione di donne vittime di abusi e violenze e per i loro bambini.

In allegato Programma

 

 

Attachments:
Download this file (232.png)232.png[ ]162 Kb

“IL NUOVO VOLTO DELL’INTEGRAZIONE”

20 dicembre locandinaIl 20 dicembre alle ore 14.30, Presso l’Auditorium Parco della Musica, via Pietro de Coubertin 30 – Roma.

Promosso dalla Fai, in collaborazione con la Cisl Nazionale, l’Anolf e la Fondazione Fai Cisl – Studi e ricerche, per dibattere insieme sui temi dell’accoglienza, dello ius soli, della cittadinanza, del lavoro e del contrasto al caporalato.

Siamo convinti che i tempi siano maturi per affrontare con lungimiranza e spirito propositivo questi diversi argomenti che sono oggi al centro del dibattito politico e sociale del nostro Paese.

Il riconoscimento dei diritti dei migranti e delle loro famiglie è un dovere di civiltà a cui vogliamo contribuire per rilanciare un nuovo protagonismo dei migranti.

Un momento di riflessione che vedrà la partecipazione d’illustri relatori e alcune testimonianze dei lavoratori e delle lavoratrici immigrate, la relazione introduttiva di Luigi Sbarra Segretario Generale Fai Cisl, presiede e coordina Mohamed Saady Presidente Nazionale Anolf, saluti di Paolo Terrinoni Segretario Generale Cisl Lazio, intervengono S.Em. Rev.ma Cord. Gualtiero Bassetti Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, Don Aldo Buonaiuto Comunità Papa Giovanni XXIII, On Marco Minniti Ministro dell’Interno e relazione , le conclusioni affidate alla nostra Segretaria Generale Cisl Annamaria Furlan.

 

 

 

ANOLF e CISL in piazza Montecitorio a Roma il 20 novembre per "A scuola nessuno è straniero".

Screenshot-2017-11-17 Sit-in cittadinanza del 22 12 2009 davanti Montecitorio promossa dallAnolf Giovani ed altre associazProsegue l'impegno della Cisl e Anolf Nazionale a sostegno della campagna della rete  "L'Italia sono anch'io" e "#Italianisenzacittadinanza" per richiamare il Parlamento al senso di responsabilità nei confronti dei tanti figli d'immigrati che vivono nel nostro paese e frequentano le nostre scuole, per l' approvazione definitiva della legge di riforma della cittadinanza entro fine novembre.

Come più volte ribadito dalla Segretaria Generale della CISL - Annamaria Furlan - "il riconoscimento della cittadinanza ai giovani figli di immigrati nati e cresciuti in Italia è un fatto di civiltà per il nostro Paese. Un altro rinvio non avrebbe senso. Abbiamo bisogno di un sussulto di responsabilità da parte di tutte le forze politiche per approvare la legge sullo Ius Soli".

Sulla stessa linea il Presidente Nazionale ANOLF - Mohamed Saady - che ribadisce con forza, vista l'importanza di questa battaglia, "di supportare questa campagna per non vedere più italiani con il permesso di soggiorno".

Leggi tutto...