Ultime Notizie

Labor TV - Italiani

Progetto “Ensemble” Expectations and Non-formal Skills to Empower Migrants and to Boost Local Economy

ensembleIl progetto mira a sviluppare un MECCANISMO INNOVATIVO NFIL, a disposizione dei formatori, per identificare e valutare le competenze dei migranti e consentire loro di svolgere un ruolo centrale nel processo d’integrazione.

Il MECCANISMO utilizza immagini, video e sequenze d’immagini, per consentire agli orientatori, ai formatori e agli utenti di identificare le aree e il grado di competenza in modo esplicito, rapido ed economico. Gli approcci basati su video e simulazioni consentono una valutazione affidabile delle competenze professionali.

Il MECCANISMO INNOVATIVO NFIL conterrà inoltre strumenti per la facilitazione della relazione operatore/migrante quando il mezzo linguistico non è sufficiente alla comunicazione.

ENSEMBLE coinvolgerà direttamente:
– almeno 150 formatori ed operatori del mondo della formazione professionale;
– 100 migranti con bassa qualificazione, provenienti da paesi extra UE, di età compresa tra i 18 i 55 anni, arrivati in Unione europea da meno di un anno (se possibile);
– 50 stakeholders del tema.

Leggi tutto...

Inizia il Ramadan per 1,8 miliardi di musulmani

ramadanTra oggi e domani scatta il nono mese del calendario islamico, durante il quale i fedeli osservano il digiuno dall'alba al tramonto.

Leggi tutto...

Decreto flussi 2019: ingresso per 30.850 lavoratori non comunitari

FLUSSISaranno 30.850 i lavoratori non comunitari che potranno fare ingresso regolarmente in Italia con il decreto flussi 2019 (Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 12 marzo 2019, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale ​Serie Generale n. 84 del 9 aprile 2019).

Leggi tutto...

ANOLF BRESCIA - “ Corso di italiano per donne immigrate”

b626F8D8-3B9ACA00-1-image-0 Si è concluso con successo, il secondo corso di italiano promosso da Anolf Cisl Brescia con Anteas, Cisl Scuola e la sede di Brescia di IAL Lombardia per donne e mamme  immigrate.

La consegna degli attestati è avvenuta, presso l’Auditorium della Cisl Brescia, rappresentando per le partecipanti, un momento di gioia e commozione, per il clima di forte amicizia e collaborazione che si è venuto a creare in questi mesi.

 L’iniziativa di realizzare un corso per sole donne è scaturita, già nel 2018, dalla questione sollevata da alcune docenti di una scuola dell’infanzia di Brescia, quando le stesse madri d’origine immigrate, chiamate a partecipare a funzioni sociali più complesse, fra le quali, prendere parte al percorso educativo dei figli, interagendo con le insegnanti e con l’istituzione, nutrivano evidenti difficoltà nella comunicazione.

Il corso ha avuto delle interessanti caratteristiche: le lezioni fatte il mattino, in orari compatibili alla vita familiare e alle possibilità delle donne immigrate di muoversi autonomamente, appoggiando una metodologia d’insegnamento che hanno aiutato le donne immigrate a comprendere testi, valorizzato la multietnicità, la dignità, il rispetto e il proprio ruolo nella società di accoglienza come traino positivo per una piena convivenza.

Quest’anno oltre al corso base è stato organizzato anche un corso di approfondimento, dedicata alla conoscenza storica culturale e artistica della città di Brescia. Le donne, affiancate da alcune tirocinanti dell’Università Cattolica di Brescia, sono state ricevute in Palazzo Loggia, sede del Comune di Brescia, dall’Assessore alle Pari opportunità e politiche giovanili per un saluto della Civica Amministrazione che ha patrocinato il corso insieme all’Università Cattolica, all’Ufficio Scolastico Provinciale e all’Associazione Centro Migranti Onlus. Nei prossimi giorni è prevista una seconda visita all’Università Cattolica di Brescia, per un incontro e scambio di esperienza con tutte le tirocinanti e relativa docente del Corso di Scienza dell’Educazione e lingue al fine di fare un bilancio di questo breve percorso di studio della lingua italiana.

 

 

 

 

Le comunità migranti in Italia: pubblicati i Rapporti annuali 2018

comunità immigrati 2013I Rapporti, curati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - Direzione Generale dell'Immigrazione e delle politiche di integrazione - e da ANPAL Servizi S.p.A., illustrano le caratteristiche e i processi di integrazione di ciascuna delle 16 principali comunità migranti presenti in Italia. (albanese, bangladese, cinese, ecuadoriana, egiziana, filippina, indiana, marocchina, moldava, nigeriana, pakistana, peruviana, senegalese, srilankese, tunisina, ucraina).

Leggi tutto...