Ultime Notizie

Labor TV - Italiani

ANOLF NAZIONALE RICORDA LA XI Giornata Ecumenica del dialogo Cristiano-Islamico

dialogoIl dialogo tra le religioni è il dialogo tra le persone. Lo dichiara in una nota il Presidente dell’Anolf Nazionale Mohamed Saady, in occasione della XI Giornata Ecumenica del dialogo Cristiano-Islamico, ribadendo il ruolo centrale della fede nei percorsi di integrazioni fra le culture e quindi nella società. Un momento di confronto tra le diversità, mettendo al centro i valori comuni, della misericordia, dell’ascolto e della solidarietà, ribadisce Saady, nell’Associazione nazionale oltre le frontiere, avviene quotidianamente. Ognuno è portatore di valori e fedi diverse, ma la capacità di costruire, collaborando insieme in un percorso di pacifica convivenza che sia a beneficio dell’intera comunità, è prioritario nella nostra Associazione dove, la libertà di esprimere le proprie identità religiose è un valore aggiunto al nostro lavoro.

 

Anolf Cisl- Cordoglio per tragedia Yvonne morta di parto all'Ospedale San Giovanni. Ora magistratura faccia piena luce per appurare se vi siano stati errori

ospedaleUfficio Stampa Cisl- 23 ottobre 2017- "Ci ha lasciato sgomenti la terribile tragedia che ha colpito Yvonne, una nostra amica, una nostra associata, ma ancor prima una donna che ha perso la vita nel giorno in cui è diventata madre". Lo dichiara in una nota il presidente dell'Anolf Cisl nazionale, Mohamed Saady ricordando Yvonne, la giovane donna di origine keniota che è deceduta sabato scorso durante il parto all'ospedale San Giovanni di Roma. "Yvonne era una emigrante per amore, ma proprio quello che doveva essere il giorno in cui veder coronato il suo sogno, l'ha resa la triste protagonista di questa vicenda assurda su cui dovrà far luce la magistratura per appurare se vi siano stati errori". "L'Italia era per Yvonne il Paese scelto per vivere il suo futuro", incalza Maria Ilena Rocha, Vicepresidente - Vicario Anolf Nazionale e noi abbiamo seguito la sua pratica di ricongiungimento, del suo permesso di soggiorno, l'abbiamo conosciuta ed accolta nella sede romana dell'Anolf Roma dove partecipava attivamente alle nostre iniziative e dove, proprio di recente, aveva conseguito con profitto un corso di italiano. Voleva integrarsi ed avere una normalissima vita in Italia, fatta di affetti e quotidianità- prosegue Rocha- per questo aveva lasciato il suo Paese scegliendo il nostro, per avere un futuro migliore.
Ora ci stringiamo al marito ed ai suoi cari in questo momento di dolore indicibile e preghiamo perché la piccola Oprah Rose che Yvonne appettava con amore, stia bene e possa essere la luce sul futuro di questa famiglia a cui, continua Saady, noi dell'Anolf non faremo mancare il nostro sostegno".

ANOLF TOSCANA - UN FILO CONDUTTORE, RELAZIONI TESSILI E CATENE DI VALORE TRA TOSCANA E PERÙ

PeruIl cosviluppo come realtà per favorire integrazione e lavoro dignitoso

 Approvato e prossimo al via il progetto “UN FILO CONDUTTORE, relazioni tessili e catene di valore tra Toscana e Perù”, presentato da ANOLF Toscana (capofila), in collaborazione con ANOLF Firenze e, in Perù, con il consorzio Calpex che oggi unisce 37 associazioni di base di produttori e allevatori di camelidi sudamericani, l’animale da cui si ottiene la preziosa fibra di alpaca.

Il percorso che si vuole compiere, da un lato, coerentemente con l’obiettivo di realizzare attività di cosviluppo anche nei paesi di origine, è sostenere le attività delle produzioni locali di alpaca, supportando la raffinazione della materia semilavorata, attraverso il miglioramento del prodotto e favorendo la progressiva valorizzazione delle donne, specializzandole ulteriormente nell’abito della catena produttiva, dall’altro mostrare alle comunità peruviane residenti in Toscana come si possa creare sviluppo locale nel proprio paese di origine anche in relazione con l’Italia e favorendone l’integrazione.

La popolazione peruviana in Italia è particolarmente versata, pur con una istruzione medio-alta, nel settore dei servizi alla persona, ambito comunque legato alla richiesta e alle disponibilità economiche delle famiglie, e poco nell’imprenditorialità ed auto impiego. Un percorso, quello previsto, che possa prevedere il riavvicinamento con le proprie comunità di origine, dimostrare come nel paese di provenienza esistono attività imprenditoriali virtuose, oltre che creare collegamenti, può condurre a sensibilizzare sulla possibilità di creare o sostenere PMI locali, soprattutto basate sull’economia solidale, anche attraverso il buon uso delle rimesse e migliorare le condizioni dell’intera comunità e non solo della famiglia, per valorizzare il ruolo dei migranti come attori di sviluppo e cambiamento.

Leggi tutto...

ANOLF – CISL FERRARA PROGETTO "NON SONO SOLO CANZONETTE"

EducazioneinterculturaleProgetto di inclusione sociale, educazione interculturale, lotta al razzismo e apprendimento della lingua italiana attraverso la canzone.

Leggi tutto...

CODICE DEL TERZO SETTORE

riforma-del-terzo-settoreDal 3 agosto è in vigore il Codice del Terzo Settore, che riforma, accorpando armonicamente, le diverse legislazioni che disciplinavano il funzionamento delle associazioni di volontariato, di promozione sociale, ma anche degli enti filantropici,  delle reti associative e più in generale tutti gli enti privi di scopo di lucro. L’obiettivo ambizioso di questa riformulazione è di rendere più trasparente le attività svolte a titolo solidaristico dagli enti fornendo garanzia della legalità e della legittimità con cui queste espressioni della società operano in favore di soggetti “vulnerabili”.

Una riforma che come Anolf abbiamo seguito attraverso un lavoro durato oltre tre anni, ma che richiede ancora molta attenzione e che potrà dirsi compiuta solo a seguito dell’emanazione dei moltissimi decreti attuativi, che forniranno le adeguate indicazioni sul percorso di rinnovamento che le Organizzazioni del Terzo Settore per poter essere riconosciute come tali, operare in favore di scopi solidaristici e, non ultimo, poter fruire dei benefici e dei bonus di carattere fiscale.

Una riforma che comporterà una revisione, sugli assetti organizzativi e di governance, anche per le nostre Strutture.

Riteniamo importante mantenervi costantemente aggiornati di tutte le variazioni che l’introduzione del Codice del Terzo Settore genererà sul lavoro dei territori.