L’ANOLF Nazionale ha incontrato la ministra Kyenge. Saady “Ripristinato il nostro ruolo di interlocutore privilegiato dopo l’impasse con Maroni e Riccardi nelle scorse legislature”

Stampa
PDF

Saady MinistroLa ministra: "Anolf realtà associativa importante sui temi legati al mondo dell'immigrazione"

Mohamed Saady - Presidente Nazionale ANOLF - ha incontrato nei giorni scorsi la ministra per l'Integrazione Cecile Kyenge per parlare di questioni urgenti sul tema dell'immigrazione: la riforma della Legge Bossi – Fini e con essa i meccanismi che ne regolano l'ingresso, il contrasto alla tratta e allo sfruttamento degli esseri umani, una legge quadro a sostegno dei richiedenti asilo e protezione umanitaria, attuazione del diritto/dovere di voto attivo e passivo alle elezioni amministrative ed infine la riforma della legge sulla cittadinanza per i figli d'immigrati nati e cresciuti in Italia.
"Positivo l'impegno della ministra nel far applicare in senso allargato le direttive europee che possono migliorare la vita di immigrati, richiedenti asilo e rifugiati, a cominciare dalla rimozione degli ostacoli per l'accesso ai concorsi pubblici" - ha detto Mohamed Saady, presidente di Anolf Nazionale.
"Ho cambiato il permesso di soggiorno per gli studenti, ho reso accessibili a tutti le borse di studio, sto recependo le norme europee per profughi e richiedenti asilo, ho semplificato alcuni passaggi relativi alla richiesta di cittadinanza. Tutti questi punti - afferma la Kyenge - fanno parte dello stesso percorso, condiviso dall'Anolf, che cambierà il mondo dell'immigrazione".
Nel corso dell'incontro l'Anolf ha sollecitato la Kyenge ad istituire un'organismo istituzionale di rappresentanza degli immigrati, in parte accolto, poiché è notizia recente la convocazione da parte del ministro di un Tavolo sull'immigrazione per il prossimo 16 dicembre nel quale parteciperanno alcune associazioni di immigrati. Nei prossimi mesi, come promesso dalla ministra, saranno insediati altri tavoli di confronto sul dialogo interreligioso e sulle seconde generazioni.