Anolf Milano: "discriminatorio bonus bebè solo per italiani"

Stampa
PDF

bonus bebèIl Tribunale di Monza - Sezione Lavoro, ha sancito il carattere discriminatorio  del comportamento tenuto dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, che chiedeva ad una mamma peruviana la restituzione del bonus bebè di € 1.000.00, che la signora aveva percepito nel 2008, in quanto non cittadina italiana.

La sentenza, emessa ieri, ha infatto respinto le motivazione addotte dal Ministero, che alla lettera di chiarimenti scritta dal nostro legale, aveva ribadito la legittimità della propria richiesta, denunciando la signora alla Procura della Repubblica di Monza per falsa dichiarazione.

Grazie all'azione dell'Anolf Cisl Milano e dei legali ai quali si è rivolta, la nostra assistita non dovrà restituire il bonus.

L'Anolf e la Cisl di Milano confermano il proprio impegno nella tutela contro la discriminazione e, in merito al bonus bebè attualmente in discussione con la legge di stabilità, auspica che gli € 80. 00 mensili promessi dal Governo vengano concessi, a parità di requisiti, non solo ai titolari di permesso di soggiorno di lunga durata, ma a tutti coloro che sono regolarmente soggiornanti in Italia, come peraltro previsto dalla normativa europea.