25 Novembre 2016. Giornata Internazionale Contro la violenza sulle Donne

Stampa
PDF

violL'ANOLF Nazionale sostiene il Coordinamento Donne immigrate ANOLF, per la partecipazione alla giornata internazionale contro la violenza sulle donne, giornata istituita nel 1999 dalle Nazioni Unite in ricordo delle tre sorelle Mirabal, eroine rivoluzionarie della Repubblica Dominicana, assassinate nel 1960.


La violenza contro le donne è diffusa, dall'esame dei dati nazionali, sono 6 milioni e 788 mila le donne hanno subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza. Le donne sono vittime di diverse forme di violenza nella quotidianità. La violenza contro le donne è un crimine ma continua a essere considerata dagli individui come una questione privata che si circoscrive cioè nella sfera intima della persona e non un'emergenza generazionale.
L'invisibilità sociale caratterizza, l'immigrazione femminile, ma c'è un'altra immigrazione femminile che chiamiamo"visibili", riguarda la tratta di giovani donne, spesso arrivate nel nostro paese attraverso la mediazione di organizzazioni criminali transnazionali, parliamo anche di donne sole con minori, donne con gravissimi disagi fisici e psichici, vittime di Mutilazione Genitali, donne giunte attraverso ricongiungimenti familiari, per matrimoni forzati, tutte vittime di violenza.

Le donne immigrate hanno subìto violenza fisica o sessuale in misura simile alle italiane nel corso della vita (31,3% e 31,5%). La violenza fisica è più frequente fra le straniere (25,7% contro 19,6%), mentre quella sessuale più tra le italiane (21,5% contro 16,2%). Le immigrate sono molto più soggette a stupri e tentati stupri (7,7% contro 5,1%).
L'impegno del Coordinamento Donne ANOLF è su tutti i fronti, continuando a confrontarsi con tutti gli enti, le associazioni, le comunità d'immigrati e i singoli individui assieme al grande sostegno del nostro sindacato CISL.

Maria Ilena Rocha

Responsabile Nazionale Coordinamento Donne ANOLF