ANOLF SIRACUSA: avvio Progetto SILVER

Stampa
PDF

gruppo silver-300x200Il progetto regionale denominato Silver (Soluzioni innovative per la vulnerabilità e il reinserimento sociale dei migranti) è stato avviato il 13 gennaio 2017, nella sede dell’Assessorato Regionale alla Sanità, a Palermo. 

Il progetto, finanziato dal Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020, mira a creare una rete di supporto ai cittadini stranieri, adulti e minori, che vertono in stato di disagio psicologico.

Vede l’ASP 9 Trapani nel ruolo di capofila, e coinvolge altre 7 ASP della Regione siciliana e 11 enti del privato sociale, insieme ad una vasta rappresentanza di soggetti aderenti che include l’Organizzazione Mondiale della Sanità, le Prefetture, l’Assessorato regionale della Salute e l’Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro.

A Siracusa e Ragusa il progetto Silver vede responsabile l’Anolf, di cui è presidente Grazia Girmena, il tavolo regionale è guidato dal responsabile del progetto, il dott. Antonino Sparaco dell’ASP 9 di Trapani.

 

Le azioni principali:

  • Attivazione di due equipe multidisciplinari;

     

  • Creazione di Procedure Operative Standard, per l’emersione del fenomeno e la presa in carico dei destinatari;

     

  • Azione di Formazione (per supervisione in aula) con diversi destinatari in funzione delle peculiarità territoriali. Pediatri di libera scelta, Medici di Famiglia, Personale sanitario, Funzionari della Prefettura Questura e operatori dei Centri di Accoglienza.

 

 

 

Dal 5 giugno scorso, nelle due ASP, sono stati avviati gli ambulatori dedicati al Progetto SILVER alla vulnerabilità psichica dei migranti adulti e minori avviati con personale dedicato ed in esecuzione a quanto definito dal progetto regionale FAMI: Fondo Asilo,Migrazione e Integrazione 2014-2020 denominato SILVER (Soluzioni innovative per la vulnerabilità e il reinserimento sociale dei migranti) co-finanziato dalla Comunità Europea e dal Ministero dell’Interno.

Sei (6) gli ambulatori aperti dall’ASP di Siracusa e quattro (4) quelli aperti dall’ASP di Ragusa che, oltre a quello del capoluogo, ha concentrato l’impegno delle equipe a Vittoria, Modica e Pozzallo, luoghi particolarmente caldi per il fenomeno sbarchi e presenza di migranti.

I primi risultati indicano riscontri positivi e prime prese in carico da parte delle equipe multidisciplinare delle ASP. La presenza di questi ambulatori, oltre a rappresentare la partenza di un progetto articolato e innovativo, sta offrendo un ulteriore mezzo di tutela della salute dei migranti, soprattutto minori, ospitati dalla strutture del territorio.

L’elemento innovativo del Progetto, è l’utilizzo della PSICOLOGIA TRANSCULTURALE edell’ANTROPOLOGIA SOCIOCULTURALE per l’identificazione, l’emersione e il trattamento dei disagi psico-sanitari dei destinatari Inoltre, per la sua specificità sperimentale, tutte le procedure utilizzate saranno adoperate per la creazione di procedure operative Standard, che in seguito saranno impiegate su scala nazionale per l’emersione del fenomeno e la presa in carico dei destinatari.

Pertanto, sarà un modello di buona pratica sull’intero territorio e, quindi, nelle aree di maggiore concentrazione di centri di accoglienza.