Stranieri: 15.000 ingressi in Italia per formazione

Stampa
PDF

FLUSSIPer il triennio 2017/2019 è stato autorizzato l'ingresso nel territorio nazionale di 15.000 cittadini stranieri finalizzato alla partecipazione a corsi di formazione professionali e tirocini formativi.

Le quote sono così suddivise:

  • 7.500 per la partecipazione a corsi di formazione professionale della durata non superiore a 24 mesi, finalizzati al riconoscimento di una qualifica o alla certificazione delle competenze acquisite
  • 7.500 per lo svolgimento di tirocini formativi e di orientamento finalizzati al completamento di un percorso di formazione professionale iniziato nel Paese di origine

La formazione, visto e considerato che i flussi per lavoro sono bloccati a causa delle persistente crisi economica, rimane uno dei pochissimi canali per entrare in Italia. Per ottenere il visto d'ingresso, sarà necessario presentare al consolato italiano la documentazione relativa al corso di formazione o il progetto di tirocinio, che deve essere approvato dall 'ufficio regionale competente. Una volta qui avrà un permesso di soggiorno per motivi di studio.

Le domande per l'autorizzazione all'ingresso non sono di competenza ANOLF, ma il cittadino straniero, ottenuto il visto per studio, dovrà richiedere il relativo permesso di soggiorno entro 8 giorni dal suo ingresso in Italia. Per quest'ultima procedura ci si può rivolgere alla più vicina sede ANOLF.