Giornata Internazionale del Migrante. Saady (ANOLF) "Non abbandoneremo al loro destino i migranti che fuggono da guerre, persecuzioni e in cerca di un futuro migliore"

Stampa
PDF

Migrant-message-2014-624x311Oggi assistiamo all'esodo di migliaia di persone in fuga da guerre e persecuzioni, ma anche dalla povertà e dalla fame, che bussano alle porte dell'Europa nella speranza di essere accolti nella garanzia di quei diritti, che proprio nella giornata internazionale del migrante ci accingiamo a celebrare, ha commentato il Presidente dell'Anolf Nazionale Mohamed Saady in occasione della ricorrenza di oggi.

Persone in viaggio verso la speranza di vita e di un futuro migliore per loro e per i loro figli, prosegue Saady, che come Anolf non abbandoneremo al loro destino. Questo processo inarrestabile, se governato può essere fonte di sviluppo, crescita e benessere e tutti noi siamo chiamati a dare un contributo nel segno della solidarietà e di quella umanità che detta il passo di un Paese civile come il nostro. La storia insegna e si ripete e un Paese segnato dall'emigrazione, ha oggi l'occasione di riscattarsi e di cambiare le sorte di chi arriva e sceglie l'Italia come sua terra. Come Anolf, insieme alla Cisl e alla Fai Cisl, il 20 dicembre a Roma, discuteremo sui temi dell'accoglienza, dell'integrazione e della cittadinanza ai giovani nuovi italiani, perché è tempo, conclude Saady, di renderci protagonisti e non spettatori di questo cambiamento.