Incontro rappresentanti della comunità marocchina dell’Anolf e l’ambasciatore del Marocco

Stampa
PDF

13Comunicato stampa

Si è svolto sabato scorso 29 gennaio 2011 a Roma, presso l'Auditorium di via Rieti 11, un'importante incontro tra i rappresentanti della comunità marocchina dell'ANOLF e l'Ambasciatore del Regno del Marocco a Roma, Sua eccellenza Hassan Abouyoub.

L'ANOLF, grazie agli ottimi rapporti che da anni intrattiene con le autorità marocchine e su espressa richiesta dell'Ambasciatore, insediatosi di recente, ha organizzato l'evento per discutere, con la consueta cordialità, i temi relativi alla presenza della comunità marocchina in Italia ed all'assistenza che l'ANOLF del Marocco fornisce quotidianamente attraverso il proprio sportello a Casablanca.

All'incontro hanno partecipato più di 50 delegati rappresentanti delle strutture provinciali e territoriali di tutta Italia.

Sono state numerose le tematiche discusse, emerse soprattutto dagli interventi dei rappresentanti: necessità di rafforzare la rete consolare in modo da risolvere le questioni legate al disbrigo delle pratiche amministrative; incremento dei legami tra l'ambasciata marocchina ed i competenti ministeri italiani nell'applicazione degli accordi bilaterali sui temi inerenti i flussi di ingresso e sui progetti di cooperazione relativi al rientro ed al reinserimento dei lavoratori marocchini nel proprio Paese; un'iniziativa politica comune dei Governi di entrambi i Paesi così da avviare la ratifica dei procedimenti relativi agli accordi di sicurezza sociale.

Le rappresentanti marocchine dell'ANOLF hanno posto l'importante questione dei diritti delle donne, in base all'ultima riforma del Codice di Famiglia, che esprime ancora qualche lacuna sul piano dei diritti e di pari opportunità.

Altrettanto notevole è stato l'intervento dei giovani rappresentanti dei giovani di II generazione che hanno portato a conoscenza dell'Ambasciatore la loro campagna per l'acquisizione della cittadinanza ed il riconoscimento del proprio diritto di essere italiani a tutti gli effetti, senza per questo dimenticare le loro origini. Hanno sottolineato la necessità di un intervento programmatico dell'insegnamento della lingua e della cultura araba da parte delle istituzioni competenti marocchine.

L'Ambasciatore ha riconosciuto l'enorme impegno ed il costante lavoro che l'ANOLF svolge ogni giorno a favore degli immigrati e, viste le numerose tematiche emerse, ha proposto di organizzare dei seminari tematici per approfondire e risolvere le difficoltà ed i problemi della comunità marocchina in Italia.

PhotoLe foto