Chiusura dell'emergenza umanitaria Nord-Africa

Stampa
PDF

emergenza nor africa 2Circolare del Ministero dell'Interno del 18 febbraio 2013.

La circolare chiarisce i seguenti punti:

1.- Titoli di viaggio - Le questure potranno rilasciare un "titolo di viaggio", ovvero un documento equipollente al passaporto, a chi ha ottenuto un permesso per motivi umanitari e non può avere un passaporto dalle autorità del suo Paese, dopo aver verificato che non rappresenta un pericolo per l'ordine e la sicurezza pubblica e non ha in Italia procedimenti penali in corso o obblighi verso la famiglia.
2.- Miniori stranieri non accompagnati richiedenti asilo. La circolare fa sapere che sono stati stanziati 2,5 milioni di euro per rimborsare, tramite le prefetture, gli enti locali. Potranno essere rimborsate solo le spese che tali enti hanno sostenuto per l'assistenza del minore richiedente asilo dal momento della formalizzazione della domanda di asilo e sino all'inserimento nelle strutture del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati".
3.- Misure per favorire percorsi di uscita. Nella circolare si ricorda che tra le "misure volte a favorire i percorsi di uscita" ci sono anche i programmi di rimpatrio volontario e assistito gestiti dall'Organizzazione Internazionale delle Migrazioni.
Qualora fossero avanzate risorse tra quelle stanziate per gestire la fase di chiusura dell'emergenza, queste andranno utilizzate per assicurare ancora l'accoglienza della persone "vulnerabili", finché non verranno inserite nel Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati.
Infine, la circolare prevede che per i profughi che entro il 28 febbraio dovranno lasciare le strutture di accoglienza, una "buonuscita" di 500 euro pro capite.

Scarica file