Immigrati: Anolf Puglia, violenza non e' mai risposta ai problemi

Stampa
PDF

FORZA NUOVA"La frase 'L'immigrazione uccide', apparsa sui volantini macchiati di rosso fatti rinvenire stamane a Bari davanti la sede politica di un partito, è inaccettabile da persone di buon senso".

Lo ha detto il Presidente dell'Anolf Cisl di Puglia (Associazione nazionale oltre le frontiere) Sidy Sow riferendosi ai blitz dimostrativi compiuti da militanti di Forza Nuova alle sedi provinciali del Pd in numerose città italiane.
"Il fatto che cittadini stranieri si rendano colpevoli di reati anche gravi – osserva Sow – non può divenire un pretesto per un'azione denigratoria e violenta nei confronti di tutti gli 'stranieri' che vivono nel nostro Paese. I diritti universali di cui godono i cittadini – tra cui quello di lasciare qualsiasi Paese, incluso il proprio, ed avere diritto ad una cittadinanza – non possono essere messi in discussione da nessuna atto dimostrativo. La violenza non è mai una risposta adeguata ad alcun problema".
Secondo il Presidente dell'Anolf Puglia "è impossibile giustificare comportamenti aggressivi nei confronti di chiunque ed è per questo che riteniamo inaccettabili i fatti accaduti a Bari ed in altre città italiane contro l'immigrazione. Nel nostro Paese – conclude Sow – è da tempo necessario affrontare compiutamente e concretamente i temi dell'inclusione e dell'integrazione prendendo pienamente e tangibilmente le distanze da ogni forma di violenza".