Ultime Notizie

Labor TV - Italiani

“Diritti in Movimento” realtà del Foggiano. ANOLF – FAI - CISL FOGGIA - ONG SOLIDAUNIA.

 

dnm1Da una consolidata collaborazione e una sintonia negli obiettivi ha preso il via un progetto promosso da tre realtà del Foggiano, ‘Diritti in Movimento’. Un lavoro di tre strutture, diverse per missione e obiettivi, che nella propria capacità di fare rete hanno potuto ampliare e potenziare l’offerta dei servizi ai soggetti più vulnerabili. L’ANOLF che assiste i lavoratori sotto il profilo legale e della tutela favorendo l’integrazione e la dignità , l’ONG SOLIDAUNIA che  offre , attraverso il dott. Antonio Scorpelli, medico volontario, visite e distribuzione di farmaci e la Fai - Cisl, il sindacato dei lavoratori del comparto alimentare,  che interviene a sostegno dei diritti dei lavoratori, in particolare quelli sfruttati hanno dato il via ad uno “Sportello mobile” con la consapevolezza che un problema complesso richiede energie e forze diverse. Lo sportello mobile è dunque un camper, che quotidianamente durante i suoi spostamenti, sosterà negli insediamenti di stranieri, lavoratori e non, del territorio, in particolare nelle vicinanze del capoluogo, presso Rignano Garganico e nei terreni limitrofi a Cerignola.  ‘Diritti in Movimento’ offre assistenza medica, legale e sindacale e fornisce ai lavoratori stranieri: informazioni sui diritti e sui doveri del lavoratore, assistenza sanitaria e medica con visite di medicina generale, consulenza legale, servizi di mediazione linguistico -culturale, informazioni sui corsi d’italiano, formazione professionale, informazione previdenziale e fiscale ed orientamento ai servizi del territorio. Diritti in movimento è un presidio di frontiera per gli immigrati, regolari e non, con particolare attenzione a coloro che sono impiegati in agricoltura che spesso sono vittime dei caporali e vivono in condizioni igieni che sanitarie, ma anche umane inammissibili. La loro dignità umana in primis, ma anche la loro dignità lavorativa ed ecco perché la presenza di Anolf e della Fai, per favorire il loro percorso di assistenza e guidarli nelle pratiche di regolarizzazione della loro permanenza sul territorio e del loro lavoro. Un percorso che si pone anche di contrastare il lavoro sommerso favorendo altresì la consapevolezza, nei migranti dei loro diritti. Il camper di ‘Diritti in Movimento’ è infatti attivo, anche, per l’assistenza nel disbrigo delle pratiche come il rilascio o il innovo del permesso o della carta di soggiorno, per ricongiungimento familiare, la coesione familiare, le istanze da inoltrare per i richiedenti Asilo, le iscrizione all’anagrafe ed i certificati di residenza, per le domande di disoccupazione, ma anche informazioni sui paghe e orari. Una risposta completa e non parziale alle esigenze dei migranti. Insomma una presa in carico a tutto tondo che come in un mosaico si compone di tanti tasselli per formare un quadro di speranza anche per i più vulnerabili  resa possibile dalla sinergia tra attori diversi, uniti da un unico vero obiettivo, ridare dignità alla persona.

 

Decreto Sicurezza e Immigrazione - comunicato Anolf Nazionale

decreto sicurezzaIl Decreto non risolverà problemi di sicurezza e tantomeno quelli dell’immigrazione. Così l'Anolf Nazionale commenta il dispositivo. 
“La stretta sui permessi di soggiorno e l’abrogazione di quelli umanitari non consentirà di valutare procedure adeguate a rispettare le persone e il loro difficile vissuto migratorio. Inoltre, l’ulteriore dilatazione dei tempi per l’acquisizione di cittadinanza renderanno, quello che dovrebbe essere un processo di interiorizzazione culturale e civica, un percorso ad ostacoli. Più che un passo avanti per il Paese sembra di tornare indietro, reintroducendo brutte copie di misure restrittive e peggiorative che avevamo superato negli anni e che come Associazione avevamo ritenuto essere lesive della dignità della persona allora, cosi come lo riteniamo oggi.
Trattenere sei mesi un migrante per identificarlo, non aiuterà l’integrazione e probabilmente nemmeno a fermare l’immigrazione clandestina, resta quindi una misura meramente restrittiva.
Crediamo invece che restringere le maglie attraverso le quali ottenere un titolo di soggiorno legale, servirà solo ad acuire il fenomeno dell’immigrazione clandestina e con esso ad accrescere i proventi di chi vi lucra. Il decreto, ancora una volta, agisce emanando misure emergenziali, ben lontane dalle auspicate politiche organiche necessarie a favorire l’integrazione dei migranti e dei rifugiati e l’inserimento di nuove norme all’interno di un decreto dedicato alla “sicurezza”, ci riporta al 2009 quando immigrazione faceva strumentalmente rima con problemi di ordine pubblico e di legalità. Un ritorno al passato che non ci fa ben sperare. Come Anolf abbiamo sempre chiesto l’emanazione di un legge sul diritto di asilo e una riforma olistica del testo unico 286/98, che contempli la multidimensionalità di questo fenomeno e che possa rispondere alle esigenze dei migranti, di coloro che cercano protezione in Italia e della popolazione locale. Auspichiamo che il Presidente Mattarella intervenga a garanzia dei principi sanciti nella Costituzione perché siamo convinti che sia il momento di andare avanti e non indietro per costruire una società inclusiva dove non vi sono cittadini di serie A e di serie B.

 

ANOLF CISL Milano Metropoli seleziona 6 giovani volontari per SERVIZIO CIVILE.

servizio civile ANOLFDei posti disponibili a livello nazionale, 3173 sono destinati alla Regione Lombardia ( http://www.serviziocivile.gov.it/menusx/bandi/selezione-volontari/2018_bandovolordinario/bando-lombardia.aspx )

Saranno accolti alla selezione giovani di età compresa tra i 18 e i 28 anni compiuti, di cittadinanza italiana, di uno degli Stati membri dell'Unione Europea ovvero di un Paese extra UE, purchè regolarmente soggiornanti in Italia.

Il progetto "IntegrAzione: informazione e accoglienza per i cittadini stranieri di Milano e Provincia" è risultato tra quelli ammessi da Regione Lombardia con Decreto n. 7676 del 25 maggio 2018: 6 giovani avranno la possibilità di svolgere il servizio civile presso gli uffici di ANOLF Milano, per contatti ed info www.cislmilano.it

Le candidature potranno essere presentate entro il 28 settembre 2018 unicamente con le seguenti modalità:

- posta certificata (PEC) di cui è titolare l'interessato

- raccomandata A/R (non fa fede il timbro postale, quindi le istanze devono comunque pervenire entro la data indicata)

- a mano (entro le ore 18.00 del 28 settembre p.v.) In quest'ultimo caso le istanze potranno essere presentate presso la sede legale di ANOLF Milano, via Alessandro Tadino 23, 1° piano oppure, in alternativa, presso l'ufficio di segreteria di Cisl Milano Metropoli, via Alessandro Tadino 23, dal lunedì al venerdì (9.00 - 12.00 / 14.00 - 18.00): farà fede il timbro posto dall'Associazione con data e orario dell'acquisizione.  


La selezione dei candidati sarà effettuata presso la sede legale di A.N.O.L.F. Territoriale di Milano, in via Alessandro Tadino 23: il calendario dei colloqui sarà pubblicato sulla home page del sito internet di Cisl Milano Metropoli (www.cislmilano.it), nella sezione dedicata al Servizio civile, almeno 15 giorni prima del loro inizio.


 

ANOLF Ferrara. Scuola estiva d’italiano “Il Grattacielo” 10° edizione.

scuola estiva grattacielo 2015La decima estate a scuola d’integrazione “Il Grattacielo”, si  è conclusa  anche quest’anno con successo, con un picco d’iscritti  significativo, per la positiva volontà e soprattutto libertà di potersi integrare.

L’iniziativa è nata dalla collaborazione tra il Comune di Ferrara e l’associazione Viale K, sostenuta dall’ANOLF Ferrara, Rotary Club Ferrara Est, Auser e Agire Sociale.

 L’obiettivo è stato quello di favorire l’integrazione dei giovani immigrati dall’apprendimento della lingua italiana. La vera inclusione passa attraverso la lingua, necessario veicolo di comunicazione e base di ogni apprendimento. La scuola estiva è quindi un atto doveroso verso bambini e ragazzi, che hanno diritto ad essere accolti e integrati.

 Al di là dell’apprendimento, inoltre, durante i corsi sono stati creati momenti  d’interazione, per l’ascolto e la cura: i bambini ne hanno bisogno, specie quando provengono da situazioni difficili. La partecipazione ha avuto una dimensione multiculturale, all’insegna del rispetto e della valorizzazione di tutte le diversità.  

 

Servizio Civile: pubblicato il Bando per la selezione di 53.363 volontari

servizio civile nazionale  2018Sono 53.363 i posti disponibili per i giovani tra i 18 e 28 anni che vogliono diventare volontari di servizio civile. Fino al 28 settembre 2018 è possibile presentare domanda di partecipazione ad uno dei 5.408 progetti che si realizzeranno tra il 2018 e il 2019 su tutto il territorio nazionale e all’estero.

Nel bando nazionale sono inseriti anche i 94 progetti all’estero, che vedranno impegnati 805 volontari, e i 151 progetti “sperimentali” che consentiranno a 1.236 giovani di “collaudare” alcune novità introdotte dalla recente riforma del servizio civile universale. Si tratta, nello specifico, della flessibilità della durata del progetto e dell’orario di servizio; di un periodo di tutoraggio, fino a tre mesi, finalizzato a facilitare l’accesso al mercato del lavoro dei volontari o, in alternativa, di un periodo di servizio in un altro Paese dell’Unione Europea; di misure che favoriscono la partecipazione dei giovani con minori opportunità.

Nella sezione "Selezione volontari SCN" ci sono tutte le informazioni e la possibilità di leggere e scaricare i bandi. http://www.scelgoilserviziocivile.gov.it/

“Il servizio civile rappresenta un momento unico per la crescita dei nostri giovani, per scoprire le proprie potenzialità, per entrare in contatto con il profondo senso di cittadinanza attiva e solidarietà sociale. Siamo molto felici di poter annunciare questo bando a seguito di una prima fase di consultazione con le principali organizzazioni e con la rappresentanza di volontari che svolgono attualmente progetti. Fin da subito, a cominciare proprio da questo primo bando, abbiamo accolto alcune istanze dei ragazzi. Tra queste, vi è l’esigenza di avere maggiore certezza nell’avvio dei progetti in modo da programmare la propria vita” - dichiara il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega a pari opportunità, giovani e servizio civile universale Vincenzo Spadafora.

Leggi tutto...